AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoProgetto SeOLProgetto EtnaOnline

Monumenti Artistici

PORTA ADINOLFO

Porta Adinolfo

 

Ex porta del mercato, è l'unica delle cinque porte che ancora possiamo ammirare, porte che nel Medioevo davano

accesso al paese. Fu ristrutturata nel 1746. Fu dedicata ad Adinolfo, personaggio che guidò l'insurrezione dei vespri

siciliani a Mineo. La struttura presenta in alto, su ciascun lato, una torre sovrastata da un sole, particolari che stanno ad

indicare il castello Ducezio e il tempio del dio Sole.

 


 

EX CHIESA MADONNA DELLA PORTA.

 Si trova attaccata alla porta Adinolfo. Si possono ancora ammirare il portale in stile Barocco con due colonnine tortili e la parte absidale che però si confonde con le costruzioni adiacenti.

 


PIAZZETTA DEI VESPRI.

 In questa piazzetta, subito dopo Porta Adinolfo, furono uccisi i soldati francesi in occasione dei Vespri Siciliani del 1282.

 


PIAZZA BUGLIO.

 Si trova al centro del paese ,è dedicata a Ludovico Buglio, missionario gesuita in Cina nel XVII secolo.

 


 MONUMENTO A LUIGI CAPUANA.

Mon Capuana

Al centro della piazza, è un opera di Vincenzo Torre da Nicolosi, fu realizzato a Roma nel 1934 e fu inaugurato nel 1936. II

basamento è in travertino, mentre la statua e i pannelli sono in bronzo. Nei pannelli sotto la statua si possono ammirare

dei bassorilievi con scene che ricordano alcune opere dello scrittore menenino: guardando di fronte "GIACINTA", a

destra un'allegoria di fiabe, a sinistra "BONA GENTI" "dietro il "MARCHESE DI. ROCCAVERDINA".

 

 


 PALAZZO COMUNALE

innevato

Opera dell'architetto gesuita Natale Masuccio da Messina, questo

palazzo seicentesco era l'antico collegio dei Gesuiti.

Fu voluto dalla Famiglia De Guerriero fondatori anche della chiesa

adiacente. Divenne sede del comune nel 1767 per

volere del governo borbonico. Vì trovano attualmente oltre che gli

uffici comunali anche la sede del Giudice di pace,l'archivio storico, Ufficio Sanitario, Ufficio per la massima occupazione,Fondazione
Giuseppe Bonaviri.

 

atrio

 

 

 Pregevole il

chiostro interno, che appare in tutta la sua bellezza dopo la scalinata che dà accesso alla costruzione.

 

 

 

PALAZZO TAMBURINO.

Anch'esso in piazza Buglio, è un palazzo del '700 con rilievi classici; internamente presenta una scala arricchita da colonne con basamenti e capitelli dorici in pietra.

 


 EDIFICIO SCUOLA ELEMENTARE.

 

Scuola

Fù Costruito agli inizi del '900 disegnato dall'architetto Fichera di Catania, voluto dal senatore menenìno Antonìo

Albertìni, sottosegretario al ministro di grazia e giustizia del periodo fascista. Fu edificato nel sito in cui si trovava

l'antico monastero delle benedettine con la relativa chiesa, demoliti per costruìre la scuola. La loggetta quattrocentesca,

detta loggia della regina Bianca di Navarra, dove era solita affacciarsi durante le sue vacanze a Mineo proprio la regale ospite.

 




IL PALAZZO COLONNA-MAGRI'

Pal.col.Morgrì

 

Come vuole la tradizione, sorge sul sito dell'antica dimora della matrona romana Eupresia; riedificato nel ‘500, presenta

un bel portale di notevole rilievo artistico risalente al ‘400 e antichi stemmi delle nobili famiglie a cui è appartenuto.

L'intero edificio è stato restaurato a cura della Soprintendenza di Catania nel 1983.

 

 


 

CIRCOLO DI CULTURA "LUIGI CAPUANA".

circ. Cult.

 

Inizialmente sede del palazzo di città, divenne poi casa del

 magistrato. Fù trasformato in seguito in carcere

mandamentale e in parte concesso ad una associazione di nobili. Fu

"casa del fascio" e dopo gli eventi bellici circolo di

cultura dedicato a Luigi Capuana. Internamente presenta delle belle

colonne con capitelli doricì che abbelliscono un

caratteristico sa1one ottocentesco stile liberty.

 


IL PALAZZO STURZO. 

Appartenuto alla famiglia del grande  sociologo Don Luigi Sturzo, presenta un pregevole portico d'ingresso e sei colonne all'interno, che conferiscono al palazzo grande maestosità e notevole rilievo artistico.

 

 PALAZZO MORGANA.

Pal.Morgana

 

Questo palazzo è antichissimo, la sua costruzione pare sia da riferirsi al Medioevo, quando la famiglia Buglio si trasferì a

Mineo. Dopo il devastante terremoto del 1693 il palazzo venne :riedificato utilizzando il materiale del castello Ducezio

anch'esso distrutto e non più ricostruito (castellano era stato proprio il Buglio). Col suo bel prospetto classico, e con

l'arco a pieno centro che dà accesso al cortile interno, è tra i più bei palazzi antichi di Mineo.

 


CASTELLO DUCEZIO.

Cast duc

 

Nel periodo siculo esisteva sulla parte più alta della città un ridotto fortificato che con Ducezio assunse, per la

particolare posizione dominante la pianura sottostante, grande importanza strategica e difensiva. Ristrutturato in

seguito, divenne famoso per le nozze che vi si celebrarono nel 1361. Qui si sposarono infatti Costanza d'Aragona e

Federico III il semplice. Dell'antico bellissimo castello dopo il 1693 non rimase che parte delle antiche mura  e della torre centrale, che ancora possiamo osservare.

 


 BADIA S. MARIA DEGLI ANGELI.

S.M. Angeli

 

Accanto alla chiesa, a sinistra, si trova parte di quello che costituiva il

 vecchio monastero S. Maria degli Angeli, sorto

 nel 1556 insieme alla chiesa omonima, entrambi demoliti nel 1926.

 

 

 

 

PALAZZO CAPUANA

 

casa capuana

Questo palazzo settecentesco, in cui nacque lo scrittore menenino, si presenta al visitatore in

tutta la sua imponenza ricordando, se guardato lateralmente, la prua di una nave.

Privacy - Note legali - Accessibilità - PEC:protocollo@pec.comunemineo.telecompost.it
 


 

Privacy

Note legali

     Obbiettivi di Accessibilità
 
I documenti presenti in alcune sezioni di questo sito sono in formato PDF, Word, Excel o Autocad e necessitano di Acrobat Reader o dei relativi viewer per essere visualizzati. E' possibile scaricare gratuitamente il programma Acrobat Reader o i visualizzatori Word, Excel o Autocadi. Per leggere i file firmati digitalmente (estensione "p7m") occorre disporre di uno dei software di lettura in grado di elaborare file firmati in modo conforme alla Deliberazione CNIPA n° 45 del 21.05.2009.